Archivio per la categoria ‘My favorite singers’

MARCO MASINI

Pubblicato: 15/04/2010 in My favorite singers
Tag:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Marco Masini (Firenze, 18 settembre 1964) è un cantautore italiano. È chiamato dai suoi fans con l’appellativo Maso.

Nazionalità Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1988 – in attività
Album pubblicati 15
Studio 11
Live 1
Raccolte 3
Sito ufficiale marcomasini.it

Biografia


Gioventù e formazione
Sua madre, Anna Maria, cantava e suonava il pianoforte ed abbandonò l’insegnamento (era maestra elementare) per la famiglia. Suo padre, Giancarlo, lavorava come rappresentante di prodotti per parrucchiera.A tre anni ebbe in regalo, per Natale, una pianola-giocattolo: ci mise le mani e, ad orecchio, riuscì a suonare le note di White Christmas. Sotto consiglio dello zio, qualche anno più tardi, Marco cominciò a ricevere lezioni di musica da una professoressa, studiando Bach, Chopin e Mozart, sebbene egli amasse pure la musica leggera, pop e rock.A 11 anni ebbe l’occasione di suonare ad una festa del santo patrono di una cittadina in provincia di Firenze, mentre in quegli anni suonava ogni genere di musica, dal liscio al revival, alla musica da discoteca. Durante il liceo fondò, assieme ad alcuni amici, un piccolo gruppo musicale chiamato Errata Corrige. A questa passione si affiancava quella del calcio: a 15 anni Marco giocava in una squadra chiamata “Sanger” e fece pure un provino per entrare nei giovanissimi della Fiorentina come portiere. La vita da musicista, che lo portava ad uscire tutte le sere e rincasare tardi, lo portò ad abbandonare sia lo sport che la scuola, in IV Ragioneria, causando i primi contrasti con la famiglia, ma anche con gli amici. Per un po’ di tempo Marco lavorò con il padre come rappresentante. Nel 1980 la famiglia mise su un bar a Firenze, dove Marco dava una mano, assieme alla sorella Susanna. Ma i litigi tra Marco ed il padre aumentavano, causando sofferenza da parte della madre.Qualche anno dopo questa fu colpita da un tumore ed il marito fu costretto a vendere il bar: Marco partì per il servizio militare (presso l’aeronautica militare, a Firenze) e, il giorno successivo al suo ritorno, il 22 agosto 1984, sua madre morì, nel profondo dolore di Marco che rimpianse per sempre il non aver potuto starle accanto negli ultimi momenti della sua vita.
Esordi e il debutto a Sanremo

 

Il suo impegno nella musica aumentò: andò per sei mesi a Modena, facendo arrangiamenti per musica da discoteca in uno studio di registrazione, quindi tornò a Firenze per ricominciare a studiare composizione, armonia e melodia, mentre faceva piano-bar dove capitava. Ebbe come maestro Walter Savelli, pianista di Claudio Baglioni e maestro di numerosi altri artisti famosi. Nonostante avesse realizzato molti pezzi (compresa la sigla per una discoteca), Marco trovava difficoltà al momento della loro presentazione alle case discografiche, che lo accusavano di non avere “la faccia dell’artista” e di produrre canzoni dai testi troppo atipici rispetto a quello che la gente si aspettava di ascoltare.Grazie a Bob Rosati, arrangiatore e proprietario di uno studio a Sesto Fiorentino, Marco cominciò a fare i primi provini: conobbe Beppe Dati, compositore e poeta con il quale realizzò alcuni brani. Nel 1986 arrivò l’incontro importante con Giancarlo Bigazzi, nello studio di Settignano, dove Marco gli fece ascoltare alcuni provini. Bigazzi lo mise al lavoro per migliorare le sue doti: Marco partecipò alla realizzazione di alcune colonne sonore (Mediterraneo, Mary per sempre, Ragazzi fuori), fu la voce guida di “Si può dare di più” (portata a Sanremo dal trio Morandi, Ruggeri e Tozzi) e fu concertista dal vivo nella tournée di Tozzi al Royal Albert Hall di Londra (suoi sono gli arrangiamenti, le tastiere ed il remix di Immensamente). Partì per il primo tour nel 1987, poi fu ancora in tournée con Raf, del cui album Cosa resterà degli anni ottanta è stato responsabile di realizzazione ed arrangiamenti. Nel 1988 uscì un 45 giri intitolato Uomini per iniziativa di Mario Ragni, con il quale Marco avrebbe dovuto partecipare a Sanremo di quell’anno, ma poi al suo posto ci andò Charlie Deanesi. Sempre nel 1988 uscì un 45 giri dove canta in duetto con Rosita Celentano dal titolo Dal tuo sugardo in poi. Marco non si arrese: dopo essersi riconciliato con il padre, iniziò a scrivere Disperato, lavorando poi con Bigazzi e Dati sul testo. Era il 1990 e partecipò a Sanremo con questa canzone, arrivando primo tra le Nuove Proposte. Tornato dall’America (per aver partecipato a Sanremo in the World), Marco cominciò la realizzazione del suo primo album, Marco Masini, per il quale erano pronte solo Disperato e Dal buio, scritta poco tempo prima per Massimo Ranieri.
Secondo album

 

Per partecipare al Festival di Sanremo 1991 aveva preparato un brano dal titolo Ossigeno, ma poi venne scelta Perché lo fai, che si piazzò al terzo posto, dopo Riccardo Cocciante e Renato Zero, ed il cui singolo risultò poi in assoluto il più venduto in Italia quell’anno.Uscì il secondo album dal titolo Malinconoia, parola (proveniente dall’unione dei termini “malinconia” e “paranoia”) che è entrata persino nel Vocabolario della lingua italiana di G. Devoto e G. C. Oli[senza fonte]. Marco cominciò a preparare la sua prima tournée, assieme agli amici con i quali aveva suonato e realizzato alcuni dischi, tra i quali: Mario Manzani (chitarre), Massimo Rastrelli (chitarre, con il quale aveva pure suonato negli “Errata Corrige”), Bruno Illiano (computers e tastiere), Marcello De Toffoli, Cesare Chiodo (basso), Alfredo Golino (batteria), Andrea Corsellini (fonico). Nello stesso anno partecipò al Festivalbar, dove vinse il premio per il miglior album dell’anno, mentre il video di Malinconoia, registrato in un concerto al Palaeur di Roma, vinse come miglior videolive di Riminicinema ’91. L’album vendette oltre un milione di copie.
Successi e polemiche

 

Dopo essersi chiuso in uno studio di registrazione vicino ad Orvieto, il 14 gennaio del 1993 Marco fece uscire T’innamorerai, l’album che gli aprì le porte del mondo, nonché l’album dello scandalo perché conteneva il pezzo Vaffanculo, che suscitò polemiche e censure sia in TV che in radio. Masini collabora in quest’album con il regista bolognese Stefano Salvati, nel videoclip T’Innamorerai compare anche il modello Lorenzo Zanirato.Nel frattempo in Spagna, dove una raccolta di brani tratti dai primi due album, intitolata Marco Masini, aveva già avuto grande successo, ottenne il disco d’oro con quest’album pubblicato in spagnolo (come Te enamorarás). T’innamorerai uscì anche in Germania e Francia, ottenendo anche qui il “disco d’oro”. Nel gennaio del 1994 uscì il quarto album, Il cielo della vergine, pubblicato in Italia, Svizzera, Belgio, Olanda, Germania e, in versione spagnola (El cielo de Virgo), Spagna e America Latina.Anche quest’album fu oggetto di critiche per le due canzoni Bella stronza e Principessa, entrambe molto dirette ed esplicite.
1996-99

 

Nel 1996 uscì L’amore sia con te, una compilation dei maggiori successi di Marco, con l’aggiunta del brano inedito che dava il titolo alla raccolta e Meglio solo, un vecchio brano del 1989 inciso nel lato B del 45 giri di Disperato. La raccolta venne pubblicata contemporaneamente nei paesi in lingua spagnola con il titolo Mi amor allí estará e con una tracklist leggermente differente. In estate, invece, partì il tour L’amore sia con te. Nel 1997 Enrico Ruggeri chiamò Marco per interpretare con lui il brano La gente di cuore, contenuto nell’album Domani è un altro giorno di Ruggeri. Dopo quasi quattro anni di silenzio, il 12 novembre 1998 uscì l’album Scimmie, pubblicato dall’etichetta Ma.Ma., fondata da lui stesso e da Mario Manzani e Marco Poggioni. Questo nuovo album segnò una svolta nella produzione di Marco, che si presentava anche al pubblico con un nuovo look: barba e capelli bianchi. Ma, soprattutto, segnò il distacco da Bigazzi, il vecchio maestro di Marco, che aveva segnato l’inizio della sua carriera musicale. Il disco è molto più Rock ed i testi sono, in generale, meno sentimentali, ma anche più ermetici: con Scimmie Marco disse di aver voluto riprendere la musica degli anni settanta che tanto aveva amato e che cominciava a tornare di moda: quanto mai positivo il parere della critica, non lo è stato altrettanto quello del pubblico, che decretò il fallimento commerciale di un album non capito. Ma nel 1999 un ritorno al passato colpì l’artista, forse per le polemiche dei fan che rivolevano il vecchio Masini di cui si erano innamorati, le canzoni d’amore ed i testi dall’incredibile poesia e profondità. Dopo l’uscita del singolo Il giorno più banale nel Natale di quell’anno (un augurio ai nostri sfortunati fratelli dei paesi poveri), la conferma definitiva fu il suo ritorno a Sanremo, nel 2000, con la canzone Raccontami di te, arrivata quindicesima, penultima: Marco accettò molto volentieri il risultato (considerando il quindicesimo un posto d’onore, visti altri illustri precedenti), nonostante l’infiammarsi da più parti di accese polemiche sul nuovo sistema di votazioni, che aveva portato a risultati assolutamente inaspettati.
Anni 2000

Contemporaneamente al festival (il 22 febbraio 2000) uscì l’album Raccontami di te, contenente la canzone presentata a Sanremo, Il giorno più banale (reintitolata Il giorno di Natale) ed altre nove canzoni che uniscono, in parte, i nuovi arrangiamenti di Scimmie ai temi poetici ed alle melodie dolci caratteristici dei primi album. Il 27 marzo 2000 Marco cominciò anche il nuovo tour Raccontami di te, di notevole successo, svoltosi in due sessioni: una primaverile, teatrale, ed una estiva, nelle piazze di molte città d’Italia.Terminato il tour, a neppure un anno di distanza dalla pubblicazione dell’ultimo album, il 26 gennaio 2001 Marco fece uscire Uscita di sicurezza, un disco contenente ben 14 nuove canzoni, scritte durante tutto l’arco della sua carriera, una sorta di “diario segreto” portato alla luce. Tra i nuovi brani spicca una cover del famosissimo brano del gruppo thrash metal americano Metallica Nothing Else Matters ed una canzone dedicata alle adozioni a distanza, con la quale Marco volle abbracciare la causa dei bambini del Sudan. Questo nuovo disco segnò la riconciliazione artistica con Bigazzi, proponendo sonorità moderne e con molte influenze dalla musica straniera a sostegno di temi dalla rinnovata grinta e determinazione. Ma a rovinare questo disco e l’euforia per le nuove canzoni, furono la scarsa promozione da parte della casa discografica (sempre la BMG Ricordi) e l’ostruzionismo continuo dei media nei confronti della figura di Masini. Le vendite ne risentirono parecchio, anche perché Uscita di sicurezza era un album dalle molte sfaccettature e, per questo, più difficile da capire.
Ritiro e ritorno

 

Marco, allo stremo, martedì 17 aprile rese pubblico al telegiornale l’annuncio del suo ritiro dalla carriera di cantautore, per diventare forse produttore di altri gruppi giovanili. A nulla valsero interventi da parte di alcuni personaggi illustri, quali Adriano Celentano e Maurizio Costanzo, che lo vollero ospite della propria trasmissione televisiva per denunciare quanto stava accadendo.Con l’intenzione di non disdire impegni presi diversi mesi prima, partì comunque a fine aprile il tour 2001, protrattosi fino ad ottobre e svoltosi nelle piazze di molti paesi di provincia in tutta Italia.L’autunno 2003 segna il ritorno di Marco Masini con l’etichetta indipendente MBO Music di Mario Ragni (suo scopritore ai tempi della Dischi Ricordi). Il lavoro, presentato alla stampa il 7 ottobre 2003, ha come titolo Il mio cammino, un album che ripercorre la sua storia con nuovi arrangiamenti e farcito con tre canzoni inedite Generation, Io non ti sposerò e Benvenuta.
Sanremo 2004

 


Marco si presenta, per la quarta volta, sul palco del teatro Ariston di Sanremo per il 54° Festival della canzone italiana. Il titolo della canzone è L’uomo volante, una visione poetica del desiderio di essere genitore accompagnata musicalmente da una melodia facile, penetrante, memorizzabile fin dal primo ascolto, dove la voce di Masini caratterizza ed emoziona con una intensa “ballad” dai toni decisamente più morbidi rispetto al suo repertorio precedente. Con questa canzone, il 6 marzo Marco vince il Festival. In concomitanza con il grande evento, esce sul mercato discografico l’album Masini, una nuova edizione de …Il mio cammino con l’aggiunta di 2 brani inediti, appunto L’uomo volante e E ti amo. Questo nuovo percorso trova l’artista rinnovato, non solo dal punto di vista musicale – artistico, ma anche a livello d’immagine. Il 17 marzo 2004, presso l’Auditorium di Roma, viene presentato alla stampa il tour teatrale di Masini, che lo vede ospite nelle più grandi città italiane, con partenza dall’Auditorium di Roma il 22 marzo e con termine al Teatro Nuovo di Milano il 19 aprile.

E ti amo

Dopo il Tour Teatrale svoltosi all’insegna del tutto esaurito, Marco Masini, riparte con un nuovo Tour nei Palasport della penisola; a completamento di questo nuovo evento l’artista incontrerà i giovani nelle scuole delle città che ospiteranno i suoi concerti. Nel mese di maggio esce il suo nuovo singolo E ti Amo. Con questa canzone, Masini “L’uomo volante “ parteciperà ai maggiori eventi televisivi dell’estate 2004 senza dimenticare il Tour estivo che lo vede protagonista nelle maggiori città della penisola. Dalla fine di settembre con la pubblicazione del CD Masin nei paesi europei (Olanda ,Belgio, Lussemburgo,Svizzera,Germania e Austria) inizierà il suo tour internazionale. Il 19 novembre 2004 esce il primo DVD e il primo CD dal vivo dell’artista. Il doppio cd contiene il concerto live tenuto al Palasport di Firenze il 18 maggio 2004 mentre il dvd, oltre al concerto stesso, raccoglie molteplici momenti vissuti da Masini in questo straordinario anno trascorso tra il suo pubblico, con i suoi musicisti, le interviste, i backstage e naturalmente i suoi fans.
2005 e 2007

Il 2005 vede di nuovo Marco Masini protagonista al 55° Festival della Canzone Italiana di Sanremo con il brano Nel mondo dei sogni. Il 10 giugno 2005 esce, dopo 4 anni e mezzo dalla sua ultima pubblicazione, il nuovo CD dal titolo Il giardino delle api. È stato tra i testimoni che hanno animato la “XXa Giornata delle gioventù “ a Colonia. Riceve a due mesi dalla pubblicazione il Disco D’Oro.Dalla fine di settembre 2005 è in tour tra Germania, Svizzera e Belgio. Il Tour Teatrale Italiano partirà il 2 dicembre dall’Auditorium Pio di Roma; seguiranno altre date nelle principali città italiane.L’11 novembre esce nei negozi il nuovo singolo, estratto da “Il Giardino delle Api”, Rimani così, contenente la sigla del cartone animato in onda su Italia 1, Shaman King, composta ed interpretata dallo stesso artista.Dopo un lungo tour della durata biennale, svoltosi in estate nelle piazze ed in inverno nei teatri italiani e nei club dell’Europa centrale (Svizzera, Germania e Belgio), nel novembre del 2006 un nuovo progetto inedito vede Marco Masini coinvolto con Umberto Tozzi nella produzione dell’album Tozzi Masini, contenente tre nuove canzoni scritte a quattro mani dai due artisti, un duetto su T’innamorerai più sei brani di Tozzi reinterpretati da Masini e sei di Masini reinterpretati da Tozzi. Questo connubio artistico, che si presenta con un biglietto da visita di oltre cinquanta milioni di dischi venduti dai due protagonisti nell’arco della loro carriera, è voluto con forza dal direttore artistico di MBO Music Mario Ragni, da un’idea risalente ancora al 1987 con la già citata Si può dare di più. La scintilla è data dalla partecipazione quasi casuale di Marco ad un concerto di Tozzi all’Olympia di Parigi del 15 febbraio 2006, che entusiasma il pubblico francese. Tozzi Masini viene dunque anticipato in radio dal singolo Come si fa…?, un brano moderno che riesce ad inserire le cornamuse all’interno di un ritmo assolutamente pop e che cattura l’interesse dei network radiofonici, anche di quelli dedicati ad un pubblico più giovane e solitamente meno propensi a passare la musica dell’inedita coppia (che ama farsi chiamare ironicamente il “duo di picche” o i “bifolk”), ormai non più giovanissima. Segue un tour nei teatri di tutta Italia, un paio di date nelle piazze ed anche qualche tappa estera (Svizzera e Canada), che rende possibile un secondo tipo di connubio, questa volta quello del pubblico dei due artisti, riuniti in un unico coro appassionato.

Il progetto con Umberto Tozzi termina nell’estate del 2007, ma Marco prosegue senza sosta l’attività: dopo un tour estivo nelle piazze italiane, intraprende un lungo tour acustico (“unplugged”) nei club dell’Europa centrale, promuovendo, tra l’altro, anche la raccolta Caro babbo, edizione per il mercato estero di Ci vorrebbe il mare, quest’ultima uscita il 27 ottobre 2006 e contenente tutte le canzoni del primo album di Marco risuonate e reinterpretate, nonché, per la prima volta su CD, Uomini e Bugie, oltre all’ormai introvabile (almeno su supporto fisico) Meglio solo.
Dal 2008 ad oggi

 

Nel 2008, oltre a proseguire il tour unplugged europeo, Marco sorprende nuovamente il pubblico con una nuova iniziativa: un tour nei teatri per presentare quello che è un vero e proprio spettacolo recitato, scritto assieme a Beppe Dati, dal titolo Il brutto anatroccolo: ispirandosi liberamente alla favola di Hans Christian Andersen, infatti, Marco ripercorre la propria vita, legando a ciascun momento i brani che meglio si sposano con il filo narrativo. Il risultato è uno spettacolo con sottotitolo “elogio della bruttezza” e dal sapore estremamente intimo: vengono rispolverati brani raramente (o mai) presentati da Marco in concerto e tutti riproposti con un arrangiamento essenziale. A condurre la narrazione sono numerose parti recitate ed alcune canzoni scritte appositamente per lo spettacolo. L’attore principale è naturalmente Marco, ma anche i musicisti (Riccardo Cherubini in veste di chitarrista e polistrumentista, Fabrizio Palermo al basso e Massimiliano Agati alle percussioni) si cimentano in recitazione e canto, dando vita ad uno spettacolo unico ed entusiasmante.Tuttavia è l’anno successivo che segna una nuova tappa importante nella carriera artistica di Marco Masini: dopo la dolorosa scomparsa di Mario Ragni il 27 ottobre 2008 a causa di una lunga malattia, Marco perde quello che per lui è stato un secondo padre e deve dimostrare di essere in grado di proseguire con le proprie gambe. Lo fa presentandosi al Festival di Sanremo con la canzone L’Italia, arrivando fra i primi 10, caratterizzata da un linguaggio estremamente diretto, seppur nel contesto della sua rinnovata maturità, che lo riporta prepotentemente davanti al grande pubblico televisivo. L’Italia, infatti, non è altro che una dichiarazione d’amore di Marco per il suo paese, un sentimento in grado di vincere su tutta una serie di provocazioni e luoghi comuni che sono sulla bocca di un po’ tutti gli italiani, da almeno tre generazioni a questa parte, e che vengono denunciati nel testo della canzone, contenente anche degli espliciti riferimenti a spiacevoli fatti storici e di cronaca ordinaria.Contemporaneamente pubblica il suo ultimo album L’Italia… e altre storie che contiene il brano di Sanremo ed altri 9 inediti, 8 dei quali scritti in collaborazione con Beppe Dati, mentre Gli anni che non hai è stata scritta in collaborazione con Giorgio Faletti. Il 17 aprile a Roma inizia il tour di Marco che ancora oggi si sta svolgendo in tutte le piazze italiane. Da venerdì 25 settembre è in rotazione radiofonica il nuovo singolo di Marco, Lontano dai tuoi angeli, estratto dall’album L’Italia… e altre storie.Nel 2010 torna sul palco dell’Ariston accompagnando Povia nella quarta serata del 60° Festival di Sanremo in una versione acustica del brano La Verità.
Discografia
Album
1990 Marco Masini Italiano CD/MC/LP Disco di Platino
1991 Malinconoia Italiano CD/MC/LP Disco di platino
1992 Marco Masini Spagnolo CD/MC/LP –
1993 T’innamorerai Italiano CD/MC/LP Disco di platino
1993 Te enamorarás Spagnolo CD/MC/LP –
1995 Il cielo della vergine Italiano CD/MC -Disco d’oro
1995 El cielo de virgo Spagnolo CD/MC/LP –
1996 L’amore sia con te Italiano CD/MC -Disco d’oro
1996 Mi amor allí estará Spagnolo CD/MC –
1998 Scimmie Italiano CD/MC –
2000 Raccontami di te Italiano CD/MC/LP –
2001 Uscita di sicurezza Italiano CD Extra/MC –
2001 Collezione vol.1 Italiano CD Extra/MC –
2002 Collezione vol.2 Italiano CD Extra/MC –
2003 Il mio cammino Italiano CD/MC –
2004 Masini Italiano CD/MC –
2004 Masini Live Italiano CD/DVD –
2004 Ti racconto di me Italiano CD/DVD –
2005 Il giardino delle api Italiano CD Disco d’Oro
2006 Ci vorrebbe il mare Italiano CD –
2006 Tozzi Masini Italiano CD –
2009 L’Italia… e altre storie Italiano CD -Disco d’argento

 

Singoli
1988 Uomini Italiano 7’’/EP –
1988 Dal tuo sguardo in poi (con Rosita Celentano) Italiano 7’’ –
1990 Disperato Italiano 7’’ 6
1991 Perché lo fai Italiano 7’’/CD (solo Francia) 2
1991 Ti Vorrei Italiano 7’’/CD (solo Francia) –
1992 Te querré Spagnolo 7’’ –
1993 Vaffanculo Italiano CD/EP (ed. limitata) – –
1993 Vaffanculo Spagnolo CD –
1993 T’innamorerai Italiano CD/EP –
1993 Te enamorarás Spagnolo CD –
1993 La libertad Spagnolo CD –
1995 Bella Stronza Italiano CD –
1995 Principessa Italiano CD –
1995 Bella idiota Spagnolo CD –
1995 Princesa Spagnolo CD –
1996 L’amore sia con te Italiano CD –
1999 Fino a tutta la vita che c’è Italiano CD –
1999 Il giorno più banale Italiano CD –
2003 Generation Italiano CD –
2004 L’uomo volante Italiano CD 8
2004 E ti amo Italiano CD
2005 Nel mondo dei sogni Italiano CD 8
2005 Il giardino delle api Italiano CD 9
2006 Come si fa… ? Italiano CD 13
2009 L’Italia Italiano CD/iTunes Store 20

Singoli promozionali e Juke-box
1990 Disperato Italiano 7’’ Juke-box
1991 Perché lo fai Italiano CD Promo
1991 Ti Vorrei Italiano 7’’ Juke-box
1992 Querido papá Spagnolo 7’’ Promo
1993 Vaffanculo Italiano CD Promo
1993 Vaffanculo Spagnolo CD Promo
1993 T’innamorerai Italiano CD Lim. Edition Promo
1993 T’innamorerai Italiano 7’’ Juke-Box
1993 La libertà Italiano CD Promo
1995 Bella Stronza Italiano CD Promo
1995 Principessa Italiano CD Promo
1996 Ando solo Spagnolo CD Promo
1998 Scimmie Italiano CD Promo
1999 Fino a tutta la vita che c’è Italiano CD Promo
2000 Raccontami di te Italiano CD Promo
2000 Protagonista Italiano CD Promo
2003 Io non ti sposerò Italiano CD Promo
2004 Ti Racconto Di Me Italiano 2x CD Juke-box
2005 Tutto quello che ho di te Italiano CD Promo
2006 Maledetta amica mia Italiano CD Promo
2007 Anima italiana Italiano CD Promo
2007 Arrivederci per lei Italiano CD Promo
2009 Com’è bella la vita Italiano CD Promo
2009 Lontano dai tuoi angeli Italiano CD Promo

Cover
Disperato
1994 Sandra Mihanovich (Cuando estoy) Desesperada Cambio de planes
1995 Marco Borsato Zonder jou Als geen ander
Ci vorrebbe il mare
1993 Milva Ci vorrebbe il mare Uomini addosso
1996 Valeria Lynch Necesito el mar Del regreso al amo
1997 Montserrat Caballé Ci vorrebbe il mare Friends of life
Vai con lui
1996 La Rondalla De Saltillo Vé con él Amor mio
Perché lo fai
1991 Dee Dee Bridgewater Just tell me why Greatest Hits – The magic Voice
1992 Marco Borsato Perché lo fai Giorno per giorno
1992 Marco Borsato Verleden Tijd Unieke Opnamen 1990-2007
2001 Eve Angeli Perché lo fai Aime-moi
Ti vorrei
1994 Marcelo Cezan Te querré Marcelo Cezan
Il niente
1995 Marco Borsato Niemand Als geen ander
Vaffanculo
? Mesopotamia Vaffanculo Maxi Pan
1993 Linda Ray I don’t want you N°2 compilation
T’innamorerai
? Alex Te enamorarás (Dance vers.) Maxi Pan – Vol. 2
1998 Richard Clayderman T’innamorerai – … in amore
Un piccolo Chopin
1996 Emmanuel Pequeño gran Chopin Amor total
Bella stronza
? Sol Naciente – La Banda al Rojo Vivo Bella idiota –
2001 Los Diablitos Bella idiota Uniendo corazones
Cuccioli
2001 Deborah Blando Cuccioli Salvatrice
Il giorno di Natale
2000 RDS Il giorno di Natale Passaggio radiofonico
Trappole
2002 Irene Fargo Trappole Appunti di Viaggio
Figlio della polvere
2002 Voci bianche Jonia Pueri Figlio della polvere –

Libri
1991 – Il Piviere
1995 – Per rabbia e per amore

Curiosità

Famoso per essere un grande tifoso della Fiorentina, a volte ha ritardato l’inizio dei suoi concerti in piazza proprio per seguire in televisione le gesta della squadra impegnata nelle competizioni sportive.
Ha sempre dichiarato di essere un grande fan dei Toto, gruppo che ebbe l’onore di incontrare in un viaggio negli States nell’estate successiva al suo primo successo Sanremese.
I testi delle canzoni Disperato e Protagonista vennero modificati per le edizioni radiofoniche e televisive a causa delle parole forti contenute.
Viene citato in diverse canzoni di altri artisti italiani quali “6/1/sfigato” degli 883, “È Natale” e “Maria Maria” degli Articolo 31, “Iodio” dei Bluvertigo e “Tutto ciò che c’è” di CapaRezza.
Giobbe Covatta lo cita nel libro Pancreas – Trapianto del libro Cuore.
Nel 2006 ha inciso un brano esclusivamente per il suo fan club dal titolo “Cosa Rimane”, brano scritto da Andrea Amati dedicatogli dagli stessi fan diversi anni prima.
La sigla del cartone animato Shaman King è stata cantata da lui.

LAURA PAUSINI

Pubblicato: 15/04/2010 in My favorite singers
Tag:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Laura Pausini

Nazionalità Italia
Genere Pop
Pop rock
Periodo di attività 1993 – in attività
Etichetta Atlantic Records
Album pubblicati 13
Studio 9
Live 3
Raccolte 1
Sito ufficiale http://www.laurapausini.com

Laura Pausini (Faenza, 16 maggio 1974) è una cantante e cantautrice italiana.

Ha iniziato la sua carriera nel 1993 con la vittoria nella categoria Nuove Proposte al Festival di Sanremo con il brano La solitudine.

Nel corso della sua carriera si è esibita anche cantando in spagnolo, portoghese, inglese e francese.

È una delle più popolari cantanti italiane e gode di grande fama anche a livello internazionale, in particolar modo nei paesi dell’America Latina e dell’Europa.

A partire dal suo terzo album, Le cose che vivi, scrive i testi delle sue canzoni in coppia con il suo fedelissimo co-autore Cheope (nome d’arte di Alfredo Rapetti, figlio del paroliere Mogol), talvolta con altri autori, talvolta da sola.

Il 3 novembre 2005 ha vinto il Latin Grammy Award, per miglior album Pop femminile con Escucha.

In data 8 febbraio 2006 le è stato assegnato il Grammy Award, per miglior album Pop latino dell’anno con Escucha.

L’8 novembre 2007 ha vinto il secondo Latin Grammy Award della sua carriera per miglior album Pop femminile con io canto.

Il 5 novembre 2009 ha vinto per la terza volta il Latin Grammy Award per miglior album pop femminile con Primavera anticipada.

Nel 2006 è stata insignita del titolo di Commendatore della Repubblica Italiana.

Dall’inizio della sua carriera ha venduto oltre 40 milioni di dischi.

Biografia

Laura Pausini è nata a Faenza ed è cresciuta a Solarolo, un piccolo paese vicino a Ravenna, in Emilia-Romagna. La sua famiglia è composta dal padre Fabrizio (che ha un duo di piano bar chiamato Les Copains Music Show), dalla madre Gianna Ballardini (maestra d’asilo) e dalla sorella minore Silvia.

Pur non avendo mai preso lezioni inizia a cantare fin da piccola, sia nel coro della chiesa, sia insieme al padre, che spesso la porta con sè durante le sue esibizioni. A partire dal giorno del suo ottavo compleanno – quando esordisce nel ristorante Napoleone di Bologna – inizia a esibirsi nei locali di pianobar della riviera romagnola con suo padre.

A tredici anni, nel 1987, registra la sua prima raccolta, I sogni di Laura. Si tratta sostanzialmente di uno strumento per “pubblicizzare” il lavoro svolto da Laura nei pianobar al seguito del padre Fabrizio, distribuito solo in occasione degli spettacoli del duo e pertanto generalmente omesso nella discografia ufficiale della cantante. I sogni di Laura contiene tredici brani, dei quali due sono scritti da lei ma firmati dal padre a causa della sua giovane età, mentre i restanti sono reinterpretazioni di brani celebri.

Nel contempo partecipa a vari concorsi in Emilia-Romagna finché nel 1991, a sua insaputa, viene iscritta dai genitori al Festival di Castrocaro; qui Laura supera con successo le selezioni con il brano New York, New York ma non accede alla finale.

Nel 1992 vince il concorso televisivo Sanremo famosi con il brano Si sta così (scritto per lei da due giovani autori di Rimini) e secondo il regolamento si aggiudica la possibilità di partecipare al Festival di Sanremo dello stesso anno, dove in realtà non verrà mai convocata. Tuttavia, proprio mentre delusa medita di abbandonare la carriera di cantante a livello professionistico, il produttore Marco Marati, convinto del suo talento, le offre un contratto e la possibilità di lavorare ad un progetto discografico.

La vittoria al Festival di Sanremo 1993 e il primo album Laura Pausini

Nel 1993 raggiunge finalmente gli onori delle cronache, quando partecipa e vince al Festival di Sanremo 1993 nella Categoria Nuove Proposte con il brano La solitudine, uno dei suoi brani più noti e tuttora apprezzati.

La canzone riscuote un grande successo, viene trasmessa dalle radio di gran parte d’Europa e diventa il pezzo di maggior diffusione popolare dell’estate 1993.

Il 18 maggio 1993 pubblica il suo primo album ufficiale, Laura Pausini, dal quale verranno estratti i singoli: La solitudine, Non c’è e Perché non torna più. Vi è incluso anche il brano Mi rubi l’anima, cantato in duetto con Raf.

Il disco viene inciso in venti giorni e registrato principalmente la notte, perché durante il giorno Laura frequenta l’Istituto d’Arte. L’album, pubblicato in 3 formati, CD, 33 giri e musicassetta, vende 4 milioni in 37 paesi, certificato in Italia con sei dischi di platino e uno di diamante.

Nel 1993 riceve il premio Telegatto d’argento come rivelazione dell’anno a Vota la voce. Sempre nello stesso anno ottiene il diploma all’Istituto Statale d’Arte e ceramiche Gaetano Ballardini di Faenza.

Il terzo posto al Festival di Sanremo 1994 e il secondo album Laura

Nel 1994 Laura torna al Festival di Sanremo 1994 nella Categoria Campioni con Strani amori e si aggiudica il terzo posto: le classifiche confermano il risultato, piazzando al top della hit parade il singolo. Come i più grandi nomi del panorama musicale italiano, quali Eros Ramazzotti, Gino Paoli, Ivana Spagna e Zucchero, anche la Pausini conquista il mercato discografico estero, il che l’allontana dall’Italia per circa due anni. Da allora la sua musica inizia a fare il giro del mondo. Canta in spagnolo, portoghese, inglese e francese ed è una delle cantanti italiane più famose nel mondo.

Il 26 febbraio 1994 pubblica il suo secondo album, Laura, che, oltre a contenere Strani amori, include grandi successi quali: Gente, Un amico è così, Lui non sta con te e Lettera.

il 22 novembre 1994 pubblica il suo primo disco in lingua spagnola Laura Pausini . L’album è un’antologia dei primi due dischi pubblicati in Italiano, contiene infatti dieci brani scelti per colpire il mercato spagnolo.

Sempre nel 1994 Laura lascia la casa dei genitori a Solarolo per andare a vivere a Milano per lavoro; partecipa in estate al Festivalbar 1994 con il brano Gente ricevendo il Premio Europa; riceve il premio Sanremo Top, il World Music Awards come miglior artista italiana e un Telegatto d’oro a Vota la voce.

Il successo nel mondo latino con l’album Laura Pausini e vari riconoscimenti

Il 4 maggio 1995 riceve il premio World Music Award all’European Grammy a Montecarlo, come Best Selling Italian Artist per aver venduto il maggior numero di dischi nel mondo.

L’11 maggio 1995 pubblica il suo primo album per il mercato inglese (dal titolo Laura Pausini) che è una raccolta che riunisce i brani pubblicati nei primi due dischi. Il disco inoltre contiene la versione inglese del brano La solitudine, intitolato La solitudine (Loneliness).

Il 10 settembre 1995 nasce il Fan Club Ufficiale di Laura Pausini.

Il 10 ottobre 1995 riceve il riconoscimento dall’Ambasciatore italiano in Spagna, per avere contribuito alla diffusione della cultura popolare in Spagna e per avere venduto oltre un milione di copie.

Sempre nel 1995 riceve il Premio Europa al Festivalbar 1995; riceve il premio Lo Nuestro a Miami come Cantante rivelazione della Lingua Latina sul mercato Americano, cui segue il Globo d’oro per essere la prima cantante non spagnola ad aver raggiunto il milione di copie vendute in Spagna; la rivista americana Billboard le assegna il 2° posto nella speciale classifica Rivelazioni femminili del 1995.

Le cose che vivi e il World Wide Tour 1997

Il 12 settembre 1996 pubblica Le cose che vivi. Il primo singolo estratto è Incancellabile, il video è stato girato in Olanda. Il brano Il mondo che vorrei è scritto interamente da Laura per l’Unicef.

Il 9 dicembre 1996 pubblica l’album in lingua spagnola con il titolo Las cosas que vives. L’edizione Le cose che vivi – Brazilian Edition contiene i brani in lingua italiana con in più 3 bonus track in lingua portoghese: Tudo o que eu vivo, Inesquecível e Apaixonados como nós.

Nel 1996:
A luglio, riceve 2 premi I.F.P.I Platinum Europe Award a Bruxelles per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album Laura Pausini e dell’album Laura
Viene nominata ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior video Las cosas que vives.
Nasce il Sito Ufficiale di Laura Pausini: http://www.laurapausini.com
Si esibisce davanti a Papa Giovanni Paolo II nel tradizionale Concerto di Natale in Vaticano, cantando Happy Christmas.
Duetta con Sandy & Junior nel brano Inesquecível, versione portoghese di Incancellabile.
Il brano Incancellabile viene usato come colonna sonora della telenovela brasiliana Salsa e Merengue.

Il 1° marzo 1997 parte il suo primo Tour mondiale, il World Wide Tour 1997, che la vede davanti a milioni di fans. Il tour parte dalla Svizzera e si svolge, regolarmente con il tutto esaurito, toccando diverse città italiane ed europee (Parigi, Lisbona, Rotterdam, Madrid, Bruxelles, Montecarlo) e alcuni paesi del Sud America. Conquista l’esorbitante cifra di ottanta dischi di platino, sommati ad innumerevoli piccoli e grandi riconoscimenti.

A dicembre 1997 si esibisce di nuovo davanti a Papa Giovanni Paolo II nel tradizionale Concerto di Natale in Vaticano; nello stesso anno duetta con Julio Iglesias nel brano Caruso e con Phil Collins nei brani The same moon e Looking for an angel.

Nel 1997 partecipa in estate al Festivalbar 1997 con il brano Seamisai ricevendo il Premio Europa come artista italiana che ha venduto più nel mondo; riceve il premio I.F.P.I Platinum Europe Award per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album Le cose che vivi.

La mia risposta

Il 15 ottobre 1998 pubblica La mia risposta, Mi respuesta in lingua spagnola. Contiene Un’emergenza d’amore e In assenza di te. A chiudere l’album è un brano in lingua inglese, Looking for angel, scritto per Laura da Phil Collins. Il video del primo singolo Un’emergenza d’amore è girato a Los Angeles. L’album viene pubblicato in cinquanta paesi in duplice versione, e rappresenta un’evoluzione musicale dell’artista, grazie a brani dalle atmosfere soul, con una buona dose di melodia, che da sempre ha caratterizzato i dischi della Pausini.

Il 25 luglio 1998 viene invitata da Barbra Streisand al suo party di nozze insieme all’attore James Brolin in America. Laura nel corso del party si esibisce dal vivo cantando Seamisai, accompagnata al piano da David Foster (produttore di Mariah Carey e Celine Dion). Nello stesso anno Il brano In assenza di te viene usato come colonna sonora della telenovela brasiliana Pecado Capital.

World Tour 1999 e Pavarotti and Friends

Nel 1999 parte il Tour mondiale, World Tour 1999. Al suo termine Laura vola negli Stati Uniti dal suo nuovo produttore.

Nel 1999 incide il brano One More Time per la colonna sonora dei film americano Le parole che non ti ho detto (Message in a bottle). Nello stesso anno, il 1° gugno, partecipa al Pavarotti and Friends, cantando con i piu grandi artisti internazionali One More Time e We Are the World con Gloria Estefan, Joe Cocker, Renato Zero, Ricky Martin, Lionel Richie, Mariah Carey. Laura realizza un assolo che fa emozionare Luciano Pavarotti e tutta la platea. In coppia con Pavarotti, canta Tu che m’hai preso il cor. I brani sono inseriti nel CD Pavarotti & Friends for Guatemala and Kosovo.

Sempre nel 1999, in estate partecipa al Festivalbar 1999 con il brano La mia risposta.

Il 3 dicembre 1999 esce Video collection 93-99, una VHS (sia in lingua italiana che in lingua spagnola) che contiene tutti i videoclip realizzati fino al 1999.

Nello stesso anno duetta con il gruppo musicale Ultra nel brano Say it once.

Tra te e il mare

Il 15 settembre 2000 pubblica l’album Tra te e il mare, Entre tú y mil mares in lingua spagnola. L’album prende il titolo dal brano scritto per lei da Biagio Antonacci. Contiene altri famosi successi tra cui Il mio sbaglio più grande, Fidati di me e Viaggio con te dedicata al padre. Il singolo Quiero decirte que te amo, versione spagnola di Volevo dirti che ti amo, non è stato mai pubblicato nella lingua originaria. Per vivere è invece il brano che Laura ha dedicato ai bambini da lei adottati in Brasile.

Nel 2000 partecipa alla colonna sonora del film giapponese Pokémon 2 – La forza di uno con il brano The extra mile. Lo stesso brano viene usato anche per la soap opera americana Febbre d’amore.

The Best of Laura Pausini e World Tour 2001-2002

A marzo 2001 partecipa come superospite al Festival di Sanremo 2001 cantando La solitudine, In assenza di te, Tra te e il mare e Il mio sbaglio più grande.

Il 21 settembre 2001 riassume i suoi 8 anni di carriera, pubblicando la sua prima raccolta intitolata The Best of Laura Pausini – E ritorno da te, con 2 inediti E ritorno da te ed Una storia che vale. Oltre a questi ultimi due Laura inserisce nel disco una canzone mai inserita in nessun suo album è cioè One More Time, colonna sonora del film Messages In A Bottle con Kevin Costner e Paul Newman. Nell’album è presente anche un duetto con il cantante Gilberto Gil. Il video di E ritorno da te è girato da Gabriele Muccino, mentre quello di Una storia che vale da Daniele Persica.

L’8 ottobre 2001 viene pubblicato l’album in lingua spagnola con il nome di Lo mejor de Laura Pausini – Volveré junto a ti che contiene oltre alle 12, la canzone Dime, un brano in duetto con il cantautore di flamenco José el Francés.

L’edizione The Best of Laura Pausini – E ritorno da te – Platinum Edition per il Brasile contiene la versione italiana con in più il bonus track Speranza realizzato per la telenovela brasiliana Terra Nostra 2 – La speranza (anche il brano Seamisai (Sei que me amavas) fa parte della colonna sonora della telenovela).

A giugno 2001 partecipa al Festivalbar 2001 con il brano Fidati di me.

In seguito al disco, da ottobre 2001 a giugno 2002 inizia il colossale Tour mondiale, World Tour 2001-2002, primo Tour nei palasport e arene di tutto il mondo che registra il tutto esaurito. Il Tour parte da Miami, porta Laura in giro per tutto il Sud America e sbarca in Europa e in Italia, dove fa tappa al Mediolanum Forum di Milano con 15.000 presenze, in cui duetta con Biagio Antonacci nel brano Tra te e il mare e registra il tutto esaurito. Questo concerto viene trasmesso su Canale 5 e in seguito anche su Retequattro.

Nel 2001 riceve quattro nomination ai Latin Grammy Award anche nella categoria Miglior album Pop femminile e consegue il Premio Lunezia come autrice dell’anno per la canzone Viaggio con te.

Il 30 dicembre 2002 esce Live 2001-2002 World Tour, il DVD contenente la registrazione del concerto al Mediolanum Forum di Milano del 2 dicembre 2001.

Nel 2002 duetta con Nek nel brano Sei solo tu, presente nell’album Le cose da difendere. Il brano viene registrato anche in lingua spagnola con il nome Tan solo tu nell’album Las cosas que defenderé. Duetta con Lara Fabian nel brano La solitudine in Piazza di Spagna a Roma (trasmissione televisiva per la Francia).

Nello stesso anno riceve il premio I.F.P.I Platinum Europe Award per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album The Best of Laura Pausini – E ritorno da te.

From the Inside e l’avventura americana

Dopo ben 2 anni di lavoro Laura sbarca negli Stati Uniti con l’album From the Inside pubblicato il 5 novembre 2002. Il disco, oltre a contenere Surrender che anticipa l’uscita del singolo, raccoglie It’s not good-bye e Every day is a Monday, versioni inglesi dei singoli In assenza di te e Il mio sbaglio più grande. L’album ottiene un positivo riscontro sia di critica che di vendite ma non il grande successo sperato. A causa di una serie di disaccordi con la casa discografica americana, Laura Pausini arresta la promozione del disco, concludendo solo 2 Show-Case negli States, rinunciando alla prevista tournée e rifiutando la proposta di un secondo disco in inglese. Laura infatti non condivide l’idea della sua casa discografica d far conoscere l’album tramite le radio americane nelle versioni Remix/Dance. Inoltre ha considerato una grave mancanza non aver realizzato una versione spagnola dei singoli dell’album. L’unico brano tradotto poi nel 2004 in lingua spagnola è I Need Love divenuto De tu amor, inserito nel DVD edizione limitata dell’album Resta in ascolto.

Con l’album From the Inside Laura si posiziona in testa alla Billboard Hot Dance/Club Party, la classifica dei brani dance più importante d’oltreoceano.

Nel 2002 si esibisce in occasione della consegna dei Premi Nobel a Oslo; si esibisce a Los Angeles nel concerto di beneficenza per le famiglie dei pompieri scomparsi durante la strage dell’11 settembre a New York. Canta con Céline Dion, Mariah Carey, Gloria Estefan, Ricky Martin, Alejandro Sanz, Beyoncé e Shakira la canzone Todo para ti, un brano scritto da Michael Jackson.

Il 31 gennaio 2003 pubblica anche in Italia From the Inside.

Il 29 aprile 2003 riceve a Los Angeles il premio ASCAP Latin Music Awards per miglior brano Pop del 2002 con Volveré junto a ti.

Il 16 giugno 2003 è presente allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro come ospite per duettare al concerto di Claudio Baglioni (del Tour Tutto in un abbraccio) nel brano E tu….

Il 12 ottobre 2003 si aggiudica il World Music Awards per miglior artista italiana e ritira il Disco di diamante a Montecarlo per aver superato i 20 milioni di dischi nel mondo.

Sempre nel 2003:
Duetta con Hélène Segara nel brano On n’oublie jamais rien, on vit avec in lingua italo-francese, presente nell’album Humaine della cantante francese.
Duetta con Biagio Antonacci nel brano Entre tù y mil mares (versione spagnola di Tra te e il mare), presente nell’album Cuanto tiempo… y ahora del cantante.
Duetta con Magalie nel brano On n’oublie jamais rien, on vit avec.
Partecipa al Pavarotti & Friends, cantando Il mondo che vorrei e in coppia con Luciano Pavarotti, Tu che m’hai preso il cor.
È coinvolta nella canzone Pagano dell’album Cicciput di Elio e le Storie Tese.
È presente ad un incontro-dibattito dell’Universita Cattolica di Milano come rappresentante positivo della gioventù italiana.
Collabora con Intervista di Miami per la campagna a favore dei bambini bisognosi dell’America Latina insieme a Gloria Estefan e Shakira.
Riceve una lettera di ringraziamento da Kofi Annan per aver contribuito alle cause benefiche riconosciute dalle Nazioni Unite.
È testimonial in Francia di Femmes face au sida, campagna contro l’Aids organizzata dalla principessa Stephanie di Monaco.
La canzone It’s not goodbye compare nella raccolta The hit, una compilation del Sud Africa.

Riceve il Premio Contigo.

Resta in ascolto

Nel 2004 torna sulle scene musicali italiane e internazionali pubblicando Resta in ascolto che esce il 22 ottobre 2004. L’album esce il 26 novembre in lingua spagnola con il nome Escucha. L’album è anche disponibile con un DVD in edizione limitata che contiene video e interviste esclusive. Tra le voci dei credits dell’album ci sono tre brillanti artisti che firmano altrettanti brani di successo: Madonna, che dona alla cantante romagnola un pezzo adattato al titolo di Mi abbandono a te; Benedetta passione è invece il brano che Vasco Rossi e Gaetano Curreri degli Stadio creano per Laura Pausini, e infine Vivimi, scritta da Biagio Antonacci. Il singolo di lancio del disco è Resta in ascolto (in radio dal 10 settembre), brano che rimane in prima posizione nella classifica dei singoli per un mese dopo la pubblicazione. Il video è girato negli Stati Uniti, precisamente a Los Angeles. Il secondo estratto è il brano che Biagio Antonacci ha scritto per lei, Vivimi. Il video è girato a Venezia. Il terzo singolo è Come se non fosse stato mai amore. Il quarto Benedetta passione, scritta da Rossi e Curreri. L’ultimo singolo promozionale dell’album è La prospettiva di me. Il disco alla prima settimana di uscita si piazza in vetta alla classifica di vendite italiana.

Nel 2004 dona i diritti della canzone Il mondo che vorrei alla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus che si occupa di aiuto all’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo. Il brano viene usato come colonna sonora del loro spot in onda su Mediaset e viene inserito in un CD-ROM contente foto scattate da Enrico Scaglia ai bimbi della Repubblica Dominicana. Il ricavato di questo cd, per il quale è richiesta un’offerta minima di 5 euro, viene devoluto alla costruzione di una casa accoglienza NPH per bambini orfani e abbandonati nello stesso paese.

Sempre nel 2004:
Sostiene come testimone, la raccolta fondi per la lotta contro l’Aids promossa dalla L.i.l.a..
Aderisce alla campagna di Amnesty International contro la violenza sulle donne.
Si impegna a favore della campagna sociale per il test HPV delle donne europee.
Duetta con Fiorello in una trasmissione televisiva nelle canzoni La solitudine e E tu….
Duetta con Grégory Lemarchal nel brano Resta in ascolto

Riceve il premio Special Award.

World Tour 2005, Live in Paris 05 e Latin Grammy Award 2005

Il 30 gennaio 2005 parte da Ravenna il Tour mondiale World Tour 2005 nei principali palasport e arene di Italia, Europa, USA, Brasile e Argentina, realizzando ad ogni tappa il tutto esaurito.

A giugno 2005 partecipa al Festivalbar 2005 con il brano Come se non fosse stato mai amore. Il 12 settembre 2005, in occasione della serata conclusiva, riceve il premio Miglior Tour dell’anno, per gli oltre 60 concerti in tutto il mondo.

Il 2 luglio 2005 partecipa al Circo Massimo di Roma al Live 8, iniziativa musicale in favore dell’Africa, dove esegue alcuni brani, tra cui Il mondo che vorrei, Tra te e il mare. Duetta inoltre con Claudio Baglioni in Mille giorni di te e di me e con Renato Zero e Claudio Baglioni in I migliori anni della nostra vita.

Il 13 ottobre 2005 riceve a Los Angeles El premio de la Gente 2005/Latin Music Fan Awards nella categoria Solista, gruppo femminile dell’anno.

Il 3 novembre 2005 vince il Latin Grammy Award, per miglior album Pop femminile con Escucha. La cerimonia di premiazione si svolge a Los Angeles.

Il 6 novembre 2005 partecipa al concerto Amor a la musica organizzato da Radio Amor 107.5 (Miami, USA) presso l’American Airlines Arena.

Sempre nel 2005:
Duetta con Sin Bandera nella canzone Como Tù como Yo, presente nell’album Manana.
Duetta con Ray Charles nella canzone Surrender to love, presente nell’album dell’artista americano Genius&Friends.
Duetta con Michael Bublé nella canzone You’ll never find another love like mine, registrata al Wilten Theater di Los Angeles in agosto 2005, al quale Laura h partecipato come unico ospite internazionale. Il brano è presente nell’album dell’artista canadese Caught in the Act
Duetta con Phil Collins nella canzone Separate lives.
Aderisce al progetto di Amnesty International Control Arms, una campagna sul tema degli armamenti in particolare quelli cosiddetti leggeri.
La canzone Viveme viene usata come colonna sonora della telenovela messicana La Madrastra.

Il 25 novembre 2005, pubblica l’album live Live in Paris 05, che celebra i 12 anni di attività dell’artista. Registrato al teatro Le Zenith di Parigi, il CD contiene 16 dei suoi migliori successi, alcuni di essi cantati in lingua spagnola o portoghese. L’album viene pubblicato in versione CD e in versione doppia CD+DVD. La traccia conclusiva dell’album è una versione unplugged di Viveme (Vivimi), registrata al Wiltern Theater di Los Angeles.

Grammy Award 2006, superospite al Festival di Sanremo e Juntos en concierto Tour 2006

L’8 febbraio 2006 riceve allo Staples Center di Los Angeles il Grammy Award per il miglior album latino con Escucha, è la prima donna italiana in assoluto a vincere un Grammy come miglior album pop femminile. L’Italia non portava a casa l’ambita statuetta dal 1958, anno in cui Domenico Modugno vinse per la canzone Nel blu dipinto di blu.

Il 4 marzo 2006 partecipa come super ospite all’ultima serata del Festival di Sanremo 2006 dove esegue un medley delle canzoni che cantò nel 1993 (La solitudine) e nel 1994 (Strani amori) come partecipante alla kermesse canora in aggiunta a un accenno di Come se non fosse stato mai amore. Nella stessa occasione presenta il singolo fatto poi uscire per la Giornata Internazionale della Donna, Uguale a lei, cover della canzone Tous les visages de l’amour di Charles Aznavour già tradotta in inglese con il titolo di She e così resa famosa con la performance dello stesso Aznavour e anni dopo da Elvis Costello come colonna sonora del film Notting Hill. Infine si esibisce in un duetto con Eros Ramazzotti intonando la celeberrima Nel blu dipinto di blu.

Il 9 giugno 2006 il paese in cui è cresciuta, Solarolo (RA), le conferisce la cittadinanza onoraria per aver portato la Romagna nel mondo.

Sempre nel 2006:
Riceve all’American Airlines di Miami il premio Lo Nuestro come Artista Pop Femminile dell’anno.
Si aggiudica un Billboard Latin Music Awards nella categoria Latin pop Airplay Song of the Year, Female per Viveme, versione spagnola del brano Vivimi. Il brano scritto da Biagio Antonacci, riceve inoltre a Los Angeles 2 premi agli ASCAP Latin Music Awards nelle categorie Miglior brano Pop/Ballad Song e Miglior sigla per Soap Opera, per la telenovela sudamericana La madrastra.
Duetta con Eros Ramazzotti nel brano Siamo una squadra fortissimi, cover del comico Checco Zalone, in occasione dei Mondiali di calcio 2006 in Germania.
Duetta con LP e Marc Anthony & Marco Antonio Solis 2006 nel brano Amigo.

In estate tra luglio e agosto 2006 parte il Tour americano Juntos en concierto Tour 2006 insieme a due colleghi latino-americani, Marc Anthony e Marco Antonio Solis. Il Tour è composto da 20 date nelle più importanti città degli Stati Uniti.

Io canto

Il 10 novembre 2006 pubblica il nuovo lavoro dal titolo Io canto: si tratta di un disco composto interamente da cover di canzoni italiane. L’album viene anticipato dal brano Io canto uscito il 13 ottobre. Il disco esce in 47 paesi e in Italia è l’album più venduto del 2006. L’album esce il 14 novembre in lingua spagnola con il nome di Yo canto. L’album in stampa francese, Io canto – French Edition contiene la versione italiana con in più il bonus track Je chante (Io canto) in lingua italo-francese.

Nell’album interpreta canzoni che le ricordano la propria gavetta nei pianobar, o brani che le rimembrano momenti particolari della vita o della carriera, come Strada facendo (Claudio Baglioni), Due (Raf), Cinque giorni (Michele Zarrillo), Anima fragile (Vasco Rossi), Scrivimi (Nino Buonocore). Il primo singolo estratto è Io canto portata al successo da Riccardo Cocciante nel 1979. Di questo disco fa parte anche la cover di Come il sole all’improvviso di Zucchero Fornaciari che è stata anche utilizzata come colonna sonora di Salvatore – Questa è la vita, primo film italiano targato Disney dell’esordiente Giampaolo Cugno.Io canto vanta anche collaborazioni eccellenti, con artisti come Johnny Hallyday, Juanes e Tiziano Ferro: con quest’ultimo Laura Pausini canta in versione duetto Non me lo so spiegare, brano già portato al successo da Tiziano Ferro nel 2003. Solo per chi scarica l’album da iTunes sono disponibili i brani in versione solista Come il sole all’improvviso, Non me lo so spiegare, Il mio canto libero, È non è cover di Niccolò Fabi. Il brano Dispàrame dispare (versione spagnola di Spaccacuore) viene usato come colonna sonora della telenovela messicana Amar sin limites.

Io canto/Yo canto era già al primo posto della classifica degli album scaricati da internet attraverso iTunes prima dell’uscita (in pre-ordine). Pur se pubblicato a metà novembre, Io canto è stato il disco più venduto in Italia di tutto il 2006. Dopo oltre un anno dalla sua uscita, il disco ha venduto più di 2.500.000 di copie nel mondo di cui circa 700.000 copie nella sola Italia, una quantità equivalente ad otto dischi di platino.

Nel 2006:
Le viene conferito il titolo di Commendatore dal Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi.
Riceve il premio Kids’ Choice Awards.

Duetta con Johnny Hallyday nel brano La loi du silence/Parole e silenzio, presente nell’album Flashback Tour.

San Siro – 2 giugno 2007

Il 25 gennaio 2007 presso l’Auditorium di via della Conciliazione a Roma vince due Telegatti d’oro come miglior cantante e miglior disco del 2006 e il Telegatto di platino all’eccellenza della musica; nel corso della serata si esibisce in Io Canto e Spaccacuore.

Il 30 gennaio 2007 è presente allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro come ospite per duettare al concerto di Tiziano Ferro (del Tour Nessuno è solo Tour 2007) nel brano Non me lo so spiegare.

Il 2 giugno 2007 è la prima artista donna al mondo ad esibirsi allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro col tutto esaurito: 70.000 biglietti venduti di cui circa 1.000 quelli venduti all’estero ai fan stranieri accorsi da ogni parte del mondo, soprattutto da Francia e Spagna ma anche dal Brasile e addirittura dal Giappone. Laura Pausini è la prima donna nella storia della musica a raggiungere il traguardo di cantare in quello stadio: in precedenza l’onore sarebbe dovuto toccare dapprima a Madonna nel 1987 e anni più tardi a Céline Dion, ma entrambi i concerti furono annullati dopo l’intervento di Inter e Milan che non volevano che il terreno di gioco si rovinasse.Durante il concerto, La Pausini duetta con Tiziano Ferro nel brano Non me lo so spiegare. Il concerto lo dedica a sua nonna, ad Antonella Russo, una sua sfortunata fan, uccisa nel gennaio precedente a Solofra dal convivente della madre, e «alle donne che hanno due palle così».

Il concerto viene trasmesso in diretta su Rosso Alice (successivamente Alice Home TV metterà a disposizione agli abbonati il concerto). Successivamente viene trasmesso su Italia 1 l’11 dicembre 2007 ottenendo il 19,4% di share,su MTV il 21 gennaio 2008 ottenendo il 18,9% di share e di nuovo su Italia 1 il 25 dicembre 2008 (insieme al videoclip della canzone Invece no) ottenendo 1.455.000 telespettatori. Il 9 giugno 2007 dopo una sola settimana, Laura torna allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro come ospite per duettare con Renato Zero (Tour MpZero) nel brano Nei giardini che nessuno sa, successo del cantante romano presente in Io canto, ed in una breve rappresentazione del brano Come se non fosse stato mai amore. Il duetto con Renato Zero, costituisce uno degli ultimi atti del ciclo promozionale iniziato con l’uscita del singolo Io canto nell’autunno 2006. Da questo momento Laura inizia un periodo di riposo interrotto di tanto in tanto.

Latin Grammy Awards 2007, Album San Siro 2007, 2008

2007
Il 15 giugno 2007 vince l’Ischia Music Award 2007. Arrivata ad Ischia per la consegna del premio, nella conferenza stampa, la cantante dichiara il sogno di voler cantare con Mina e di presentare il Festival di Sanremo con Pippo Baudo.

Il 5 luglio 2007 duetta con Andrea Bocelli nel Teatro del Silenzio di Lajatico (Pisa).

Il 14 luglio 2007, festa della Repubblica Francese, partecipa, assieme ad altri cantanti, a un megaconcerto tenutosi a Parigi allo Champe libre (accanto alla Tour Eiffel) davanti a oltre 500.000 spettatori.

Il 21 luglio 2007 la cantante romagnola partecipa a Viareggio al Festival Teatro-Canzone Giorgio Gaber arrivato alla quinta edizione dove interpreta la canzone Non insegnate ai bambini dell’indimenticato artista scomparso nel 2003.

Il 29 settembre 2007 prende parte a Lampedusa alla quinta edizione del Festival O’ Scià, invitata da Claudio Baglioni, con il quale canta in duetto E tu… e Mille giorni di te e di me

Il 15 ottobre 2007 esce il nuovo album di Andrea Bocelli, Vivere – The Best of Andrea Bocelli che contiene un duetto con Laura Pausini nel brano intitolato Vivere (Dare to Live), Vive ya in lingua spagnola.

Il 4 novembre 2007 ritira a Montecarlo il suo terzo World Music Award nella categoria Miglior artista italiana, la cantante italiana riceve il prestigioso premio internazionale per le 3 milioni di copie vendute nel mondo con Io canto/Yo canto. Oltre alla Pausini vengono premiate altre star mondiali del calibro di Avril Lavigne, Céline Dion, Mika e Rihanna.

L’8 novembre 2007 viene assegnato a Laura Pausini il suo riconoscimento internazionale, il suo secondo Latin Grammy Award per miglior album Pop femminile con Yo canto; la cerimonia si è svolta a Las Vegas e la cantante si è esibita cantando Disparame dispara ed in seguito ha duettato insieme al tenore Andrea Bocelli interpretando Vive Ya. La Pausini al momento del ritiro del premio ha voluto ricordare il maestro Luciano Pavarotti.

Il 21 novembre 2007 esce il primo libro ufficiale di Laura Fai quello che sei. Io canto, una sorta di diario dove racconta le numerose soddisfazioni professionali dall’ottobre 2006 fino ad arrivare all’evento di San Siro. Nel giro di un mese vengono vendute circa 60.000 mila copie.

Il 30 novembre 2007 pubblica in 47 paesi il CD-DVD live, San Siro 2007, registrato in occasione del concerto tenuto allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro il 2 giugno 2007.

Laura Pausini partecipa in duetto con Miguel Bosè nel brano Te amaré, contenuta nell’album Papito di Miguel Bosè e il 5 dicembre 2007 è ospite del concerto di Miguel Bosè al Mediolanum Forum di Assago col quale canta in duetto in Te amaré.

Nel 2007 riceve una nomination ai premi Lo Nuestro come Artista Pop Femminile dell’anno; riceve l’ASCAP Latin Music Awards per miglior brano Pop con Como si no nos hubieramos amado; riceve il premio Wind Music Awards all’Auditorium della Conciliazione a Roma per l’album Io canto; riceve il premio Kids’ Choice Awards; riceve il Premio Dial; riceve il Premio Lunezia.

2008

Il 20 gennaio 2008 presso l’Auditorium di via della Conciliazione a Roma vince ben tre Telegatti d’oro nelle categorie cantante dell’anno, miglior disco (Io canto) e miglior tour.

Il 4 giugno 2008 riceve 2 premi Wind Music Awards per il CD e il DVD San Siro 2007 del concerto allo Stadio Giuseppe Meazza di San Siro.

Il 26 agosto 2008 esce il nuovo album di Luis Fonsi intitolato Palabras del silencio che include un duetto inedito con Laura, dal titolo Todo vuelve a empezar. Tuttavia il lancio non è previsto in Italia.

Nel 2008 Laura riceve il premio Giffoni All Music Teen Award e riceve una nuova nomination ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior registrazione dell’anno, questa volta in compagnia dell’amico Andrea Bocelli per il duetto Vive Ya/Vivere

Il 13 settembre 2008 partecipa al concerto omaggio a Luciano Pavarotti al Parco di Sant Cloud. Canta il brano Il mondo che vorrei e in duetto con Garou il brano Nel blu dipinto di blu. Il concerto viene trasmesso il 21 settembre sul canale francese France 2

Il 12 ottobre 2008 partecipa a Salute Petra, un memorial e concerto di beneficenza per ricordare Luciano Pavarotti nel giorno del suo compleanno in Giordania, a Petra. Canta il brano Il mondo che vorrei e in duetto con Jovanotti il brano Caruso.

Nel 2008 registra in duetto il brano di Charles Aznavour intitolato Paris au mois d’Aout (Parigi in Agosto). Sono due le versioni esistenti: una interamente in lingua francese e l’altra italo-francese. Il brano in versione francese è contenuto nel nuovo album di Charles Aznavour intitolato Duos.

Primavera in anticipo, World Tour 2009 e Amiche per l’Abruzzo 2008

Il 22 ottobre 2008 in esclusiva sul sito del Corriere della Sera è possibile ascoltare e guardare il video del nuovo singolo di Laura Pausini Invece no. Il brano scritto da Laura Pausini, Paolo Carta e Niccolò Agliardi anticipa la pubblicazione del nuovo album di inediti, a quattro anni di distanza dal precedente disco di inediti Resta in ascolto.

Alla data del 5 novembre 2008 il nuovo album Primavera in anticipo è primo nella classifica degli album scaricati attraverso la piattaforma digitale iTunes, nonostante l’album sia disponibile nella sola modalità pre-ordine. In data 12 novembre 2008 la versione per il mercato latino raggiunge la prima posizione della classifica di iTunes degli Stati Uniti riservata alla musica Latin. L’album Primavera in anticipo debutta al 1° posto della classifica degli album più venduti in Italia. Alle spalle di Primavera in anticipo, si stanzano alla posizione numero 2 Giusy Ferreri con Gaetana e alla posizione numero 3 Tiziano Ferro con Alla mia età. All’estero l’album debutta bene entrando direttamente nella Top Ten delle classifiche di vari Paesi latini.

Primavera in anticipo viene pubblicato il 14 novembre 2008 in tutto il mondo e viene presentato a Roma in Piazza di Spagna; La versione in lingua spagnola si chiama Primavera anticipada. L’album contiene 14 canzoni inedite tra le quali spiccano Primavera in anticipo (It Is My Song) in duetto con il cantante inglese James Blunt e una canzone scritta da Gianluca Grignani dal titolo Prima che esci. Sono acquistabili da iTunes 2 bonus track: Un giorno dove vivere e Agora não (in lingua portoghese), versione tradotta di Invece no.

Alcuni brani dell’album vengono utilizzati come colonne sonore: En cambio no e Cada Color al cielo per la serie televisiva messicana En nombre del amor, Bellissimo così per la serie televisiva brasiliana Poder e Paralelo e Invece no per la telenovela brasiliana Caras & Bocas.

L’album debutta al 12° posto della classifica degli album più venduti in tutto il mondo avendo venduto 140.000 copie in una sola settimana. Primavera in anticipo stazionerà alla numero 1 della classifica degli album più venduti in Italia per nove settimane consecutive, un record raggiunto soltanto da otto album dal 1995 ad oggi.

Il 7 novembre 2008 Tiziano Ferro pubblica l’album Alla mia età. Laura Pausini è autore insieme a Tiziano Ferro del brano La paura non esiste.

Da novembre 2008 è ambasciatrice di Hear the World, iniziativa ideata da Phonak che sensibilizza l’opinione pubblica mondiale sull’importanza dell’udito e sulla problematica connessa alle perdite uditive.

2009

Il 1° gennaio 2009 viene pubblicato l’album di Arthur Hanlon Piano Sin Fronteras che contiene il brano Prendo te, eseguito da Laura Pausini e accompagnato con il pianoforte da Arthur Hanlon.

Il 30 gennaio 2009 Laura è ospite del varietà televisivo comico di Canale 5 Zelig, dove esegue insieme a Checco Zalone il duetto comico Finisce qui.

A febbraio 2009 insieme al compagno Paolo Carta è tra le produttrici dell’album La forza mia del cantante cagliaritano Marco Carta. Il brano La forza mia vince il Festival di Sanremo 2009. L’album già dalla prima settimana diventa disco di platino con piu di 70.000 copie vendute.

Il 28 febbraio 2009 parte da Brescia il Tour Mondiale di Laura Pausini, World Tour 2009. La cantante romagnola resta per un anno intero in Tour da marzo fino al mese di dicembre esibendosi in Italia, Europa e America. Il Tour tocca città importantissime come Madrid, Barcellona, Parigi, Zurigo, Ginevra, Helsinki, Turku, Stoccolma, Bruxelles ed altre ancora. Passa poi in Stati Uniti, Canada, Argentina, Cile, Messico, Brasile. Infine Laura ritorna in Italia a novembre e a dicembre con dodici ulteriori date, città già toccate e altre come Rimini e Jesolo. A causa delle numerose richieste, il World Tour 2009 viene svolto in ben sei date a Milano, cinque a Roma, triplicato a Torino e a Firenze e raddoppiato a Bologna, Brescia, Castel Morrone, Catania, Eboli, Mantova e Treviso.

In edicola, a partire dal 30 marzo 2009 per 9 lunedì con la rivista TV Sorrisi & Canzoni viene pubblicata una raccolta dedicata a Laura Pausini formata 8 album e 1 DVD (Resta in ascolto, Io canto, Tra te e il mare, La mia risposta, Le cose che vivi, Laura Pausini, Laura, From the Inside e il DVD San Siro 2007). A grande richiesta, al termine delle nove uscite che completano il cofanetto, l’edizione si arricchisce di Primavera in anticipo in doppio cd (italiano e spagnolo).

Il 21 aprile 2009 partecipa alla registrazione del brano Domani 21/04.09. Il brano vede la collaborazione dei più grandi artisti della musica italiana ed è stato realizzato per devolvere interamente i proventi alla ricostruzione dei luoghi di arte e cultura devastati dal Terremoto dell’Aquila del 2009 in Abruzzo.

Il 6 giugno 2009 all’Arena di Verona riceve il premio Wind Music Awards durante l’omonima trasmissione condotta da Vanessa Incontrada, in onda su Italia 1 l’8 giugno. Viene premiata da Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Giorgia e Elisa. Si esibisce con i brani Un fatto ovvio e Primavera in anticipo.

Il 21 giugno 2009 è l’organizzatrice di un megaconcerto allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano per raccogliere fondi in favore della popolazione abruzzese colpita dal terremoto del 6 aprile 2009. L’iniziativa benefica intitolata Amiche per l’Abruzzo vede la partecipazione di 90 cantanti femminili della musica italiana. Le altre madrine della manifestazione sono Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Giorgia e Elisa, con le quali esegue duetti insieme.

Latin Grammy Award 2009, Laura Live World Tour 09 e il ritiro di 2 anni 2009

Il 5 novembre 2009 è presente alla cerimonia di consegna dei premi Latin Grammy Award a Las Vegas. Apre la manifestazione con il brano En cambio no accompagnata dalle coreografie dello spettacolo Le Reve con gli artisti acrobatici del Cirque du Soleil; le viene poi assegnato il terzo Latin Grammy Award della sua carriera per il miglior album pop femminile con Primavera anticipada. L’altra categoria in cui era candidata ma che non è riuscita a vincere era miglior registrazione dell’anno con En cambio no, versione spagnola di Invece no.

A partire dal 25 settembre è presente in radio Con la musica alla radio; il 20 novembre 2009 il secondo singolo Non sono lei. Questi 2 brani anticipano l’uscita del nuovo album Laura Live World Tour 09.

Il nuovo album, Laura Live World Tour 09 viene pubblicato il 27 novembre 2009, un CD-DVD live che contiene canzoni tratte dal World Tour 2009 con tre nuovi inediti e tre videoclip. Due inediti sono i singoli che anticipano l’album e il terzo è il singolo Casomai, brano live registrato durante il soundcheck a San Paolo in Brasile. Per la prima volta viene commercializzato un’album live per il mercato spagnolo e latino intitolato Laura Live Gira Mundial 09, pubblicato il 24 novembre, anticipatamente rispetto alla versione italiana.

Lo stesso giorno viene pubblicato l’album di Claudio Baglioni Q.P.G.A. che contiene il duetto con Laura Pausini del brano Con tutto l’amore che posso.

L’8 dicembre 2009 conduce la nuova trasmissione televisiva di Rai Due Due insieme a Tiziano Ferro con il quale improvvisa alcune canzoni e duetti del loro repertorio.

Il 31 dicembre 2009 si esibisce al Molo Brin di Olbia per il Concerto di Capodanno, davanti ad una folla di 60.000 persone.
2010

Il 9 gennaio 2010 agli Swiss Award di Zurigo viene premiata con 7 dischi di Platino per aver venduto, col suo nuovo CD-DVD Laura Live World Tour 09, oltre 70 milioni di dischi in tutto il mondo.

Il 26 gennaio 2010 viene pubblicato Laura Live Gira Mundial 09 – US Edition per l’America Latina. L’album presenta la copertina di colore diversa (rosa) con tracce ridotte rispetto alle altre 2 versioni.

Dal 29 gennaio 2010 è in rotazione radiofonica il Casomai, il terzo singolo estratto dall’album Laura Live World Tour 09

Con l’album Laura Live World Tour 09, si prende una pausa di due anni a partire da gennaio 2010 promettendo di ritornare a gennaio 2012.

Il 14 febbraio 2010 riceve un nuovo riconoscimento internazionale il Legend Music Awards come premio alla carriera e per il suo impegno nel mondo della solidarietà. La cerimonia di consegna dei premi si svolge a Milano, ma Laura Pausini non è presente.

Il 18 febbraio 2010 riceve il premio Lo Nuestro come Artista Pop Femminile dell’anno. La cerimonia di consegna dei premi si svolge a Miami, ma Laura Pausini non è presente.

A marzo 2010 riceve il 5° ASCAP Latin Music Awards nella categoria Miglior brano Pop con il brano En cambio no, versione spagnola di Invece no, anche se non sarà presente il 26 marzo a Los Angeles alla cerimonia di consegna.

Vita privata

Laura Pausini ha ed ha avuto sempre relazioni con personaggi del suo settore. Dal 1993 al 2002 ha avuto una relazione con il suo produttore-manager Alfredo Cerruti e dal 2003 al 2005 con il suo manager Gabriele Parisi. Dall’estate del 2005 ad oggi Laura ha una relazione con il suo chitarrista Paolo Carta, divorziato e con 3 figli maschi.

Discografia italiana

1993 – Laura Pausini
1994 – Laura
1996 – Le cose che vivi
1998 – La mia risposta
2000 – Tra te e il mare
2001 – The Best of Laura Pausini – E ritorno da te
2003 – From the Inside
2004 – Resta in ascolto
2005 – Live in Paris 05
2006 – Io canto
2007 – San Siro 2007
2008 – Primavera in anticipo

2009 – Laura Live World Tour 09

Tour

World Wide Tour 1997
World Tour 1999
World Tour 2001-2002
World Tour 2005
Juntos en concierto Tour 2006

World Tour 2009

Riconoscimenti

Billboard Latin Music Awards

2006: Canzone Pop femminile dell’anno Viveme

Grammy Award

2006: Miglior album Pop latino Escucha

Latin Grammy Awards
2005: Miglior album Pop femminile Escucha

2007: Miglior album Pop femminile Yo canto

2009: Miglior album Pop femminile Primavera anticipada

Premio Lo Nuestro

1995: Miglior nuova artista Pop

2006: Artista Pop femminile dell’anno

2010: Artista Pop femminile dell’anno

World Music Awards

1994: Miglior artista italiana

1995: Miglior artista italiana

2003: Miglior artista italiana

2007: Miglior artista italiana

ASCAP Latin Music Awards

2003: Miglior brano Pop Volvere junto a ti

2006: Miglior brano Pop Viveme

2006: Miglior sigla per soap opera Viveme

2007: Miglior brano Pop Como si no nos hubieramos amado

2010: Miglior brano Pop En cambio no

I.F.P.I. Platinum Europe Award

1993: Riconoscimento per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album Laura Pausini

1994: Riconoscimento per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album Laura

1996: Riconoscimento per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album Le cose che vivi

2002: 2 Riconoscimenti per le vendite superiore a 1 milione di copie dell’album The Best of Laura Pausini – E ritorno da te

Wind Music Awards

2007: Premio per l’album Io canto

2008: 2 premi per il CD e il DVD San Siro 2007

2009: Premio per l’album Primavera in anticipo

Telegatto

1993: 1 Telegatto d’argento Vota la voce

1994: 1 Telegatto d’oro Vota la voce

2007: 1 Telegatto di platino per l’eccellenza

2007: 2 Telegatti d’oro nella categoria Miglior cantante e Miglior disco

2008: 3 Telegatti d’oro nelle categorie Miglior cantante, Miglior disco (Io canto) e Miglior tournée

Festival di Sanremo

1993: 1° posto categoria Nuove proposte

1994: 3° posto categoria Campioni

Altri premi

1994: Sanremo Top

1994: Premio Europa al Festivalbar

1995: Premio Europa al Festivalbar

1995: Globo d’Oro

1997: Premio Europa al Festivalbar

2001: Premio Lunezia come Autrice dell’anno per la canzone Viaggio con te

2003: Premio Contigo

2004: Special Award

2005: Latin Music Fan Award

2005: Premio Miglior Tour dell’anno al Festivalbar

2006: Kids’ Choice Awards

2007: Kids’ Choice Awards

2007: Premio Dial

2007: Ischia Music Award

2007: Premio Lunezia

2008: Giffoni All Music Teen Award

2010: Legend Music Award

Premi non assegnati
1996: Nomination ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior video Las cosas que vives
2001: 4 Nomination ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior album Pop femminile The Best of Laura Pausini – E ritorno da te
2007: Nomination al premio Lo Nuestro come Artista Pop Femminile dell’anno
2008: Nomination ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior registrazione dell’anno per il duetto con Andrea Bocelli Vive ya

2009: Nomination ai Latin Grammy Award nella categoria Miglior registrazione dell’anno En cambio no

Primati

È stata la prima donna ad esibirsi allo Stadio San Siro di Milano il giorno 2 giugno 2007. Successivamente il 21 giugno 2009, circa 50 sue colleghe si esibiscono sullo stesso palco per l’evento Amiche per l’Abruzzo organizzato dalla stessa cantante.
È stata la prima donna italiana ad aver vinto un Platinum Europe Award.
È stata la prima ed unica donna italiana ad aver vinto un Latin Grammy Award.
È stata la prima ed unica donna italiana ad aver vinto un Grammy Award

È stata la prima ed unica donna italiana ad aver ricevuto un World Music Awards.

Band Laura Pausini

1993
Andrea Gargiulo: pianoforte e tastiere
Domenico Manna: chitarra
Pino Rega: basso
Fabrizio Alessandrini: chitarra
Nicola Pignatiello: batteria
Vanni Biondini: tastiera
Paola Bonora: coro
Cristina Montanari: coro

Enzo Maione: voce Solista (gruppo spalla)

2007
Alfredo Golino: batteria
Cesare Chiodo: basso
Bruno Zucchetti: pianoforte
Paolo Carta: chitarra
Adriano Martino: chitarra
Gabriele Fersini: chitarra
Lorenzo Maffia: tastiera
Roberta Granà: coro
Barbara Zappamiglio: coro

Massimo Guerini: coro

2009

Emiliano Bassi: batteria
Matteo Bassi: basso
Bruno Zucchetti: pianoforte
Paolo Carta: chitarra
Gabriele Fersini: chitarra
Roberta Granà: coro
Emanuela Cortesi: coro

Gianluigi Fazio: coro

Onorificenze

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana — 6 febbraio 2006. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.

Bibliografia

Libri ufficiali
Laura Pausini, Fai quello che sei. Io canto, Mondadori, 2007. ISBN 8804559853
Libri su Laura Pausini
Isabella Panizza, Dario Salvatori (a cura di) La vera storia di Laura Pausini, Gremese Editore, 1998. ISBN 8877421738
Maurizio Macale, Laura Pausini, Bastogi Editrice Italiana, 2000. ISBN 8881852799
Simona Cerri, Laura Pausini… l’artista e la donna, Lo Vecchio, 2005. ISBN 8873331130
Michele Monina, Laura Pausini. Una storia che vale, Zorro, 2010. ISBN 9788887578553