Posts contrassegnato dai tag ‘Ricette per Bambini’

my finished bear buns

I was in love as soon as I saw these adorable little bear buns. I’m very fond of Japanese cuteness, and I love baking – what an ideal combination!

I am very lucky to have a brother who knows Japanese, and he kindly translated the recipe for me. The main recipe follows a standard bread format, but be aware that the bears are very fiddly to make. I have not heard of a chocolate or seaweed pen before, so I used piped icing for the eyes and nose. But as you can see, my little bear buns fall well short of the original author’s! (Whom the rest of the photos remain the property of.)

Kuma-chan pan (Cute bear buns)

Ingredients

  • Bread flour: 200g
  • Sugar: 10g
  • Salt: 3g
  • Water: 60g
  • Milk: 60g
  • Butter: 10g
  • Dry yeast: 2 teaspoons

Preparation

Sift flour.
Heat milk until almost boiling and let cool (this encourages the gluten in the bread).

Instructions

  1. In a bowl, combine the bread flour and salt. Add the water (heated to about 32° C if you’re making this in winter), cooled milk, sugar, and dry yeast. Mix thoroughly. When it resembles one ball, place on a flat surface and knead until a smooth texture is achieved.
  2. When smooth, knead in the butter [which has been melted, then cooled to room temperature] bit-by-bit. Place the dough into a round bowl, cover with plastic wrap, and leave in a warm place. Wait until the dough has risen to approximately twice its initial size. This is the first stage in letting the dough rise.
    Bread dough
  3. It should look something like this after the first rising.
    Risen bread dough
  4. Place the dough on a benchtop or chopping board and prepare the bears’ ears by cutting 20 1g pieces and rolling them into small balls. Cut the remaining dough into 10 equal portions and roll into balls. Place all pieces between a pair of damp cloths (e.g. wrung-out teatowels) for 15-20 minutes (use a timer).
    Dough balls
  5. Squeeze each ball a bit to force out any gas pockets, and then re-roll into spheres. Take each large ball and firmly press two ears onto it. Place a damp cloth over them to prevent any drying-out.
    bears made of bread dough
  6. Gently placing all 10 assembled bears into damp “bread mats”, then put them in a warm place for the second rising stage. Make sure all the bears are oriented upwards (to not disturb their ears). Place a damp cloth over everything. Wait until the bears have roughly doubled again in size.
    [I’m not sure what bread mats are, so I followed step 7 below.]
    Bears ready for second rising
  7. If you don’t have any “bread mats”, take some oven trays and place them on the benchtop. Placing the bears on the trays, spray with a water atomiser. Take some drinking glasses and fill them with water, then place them in various locations around the tray. Cover the whole lot with plastic wrap, gently dropping the wrap on from above. Wait until the bears have roughly doubled again in size.
    Bears ready for second rising
  8. For lightly browned bread, preheat your oven to 220 degrees, then bake the bears for 15-20 minutes at 190 degrees.
    For a white finish, preheat to 190 degrees, bake at 160 degrees for 10 minutes, then drop the temperature to 130 degrees for a further 5-10 minutes. If they start to brown, immediately place an upside-down enamel bowl over them, or cover with aluminium foil. Keep an eye on the bears while baking, because oven temperatures vary and are not always accurate or comparable.
    Now you can decorate your bears with edible seaweed or a chocolate pen to draw the face!
    Finished bear buns
  9. This recipe was written while using “Haruyutaka” flour. Depending on protein level and seasonal variation, the moisture content of your flour may vary slightly, so please be aware of this.
    [I used standard British Strong Bread flour and it worked well.]

http://www.enjoylivingsustainably.com/2011/05/cute-bear-kuma-chan-japanese-bun-recipe/

Lo sai mamma che oggi abbiamo cucinato?” questa è stata la prima cosa che Simone mi ha detto uscendo da scuola. Devo dire che al momento sono rimasta un pò basita ma poi ho mi sono fatta spiegare e ho compreso ciò che voleva dire; aderendo al progetto “Frutta nelle scuole“, non hanno solo la possibilità di mangiare frutta fresca e di stagione tutti i giorni. Il progetto prevede anche delle prove pratiche e oggi è stato uno di quei giorni; hanno avuto la possibilità di scoprire da dove viene la frutta, dove nasce, come cresce e matura, come viene raccolta e poi messa in commercio ed infine, come la si mangia  e come la si può trasformare. Trasformare? Sì, proprio così.

Ma che bello, hai fatto proprio come la mamma, ti sei trasformato in Food Coach per i tuoi compagni, bravo!” Non sono impazzita, e non hanno aggiunto una nuova materia a scuola, hanno semplicemente visto come è possibile mangiare la frutta sotto altri aspetti perché la frutta la si può anche cucinare in forno, spremere o… frullare!
Dopo aver conosciuto più da vicini i diversi tipi di frutta, tutti insieme ne hanno scelto uno in particolare, la mela, per poi trasformarlo perché non lo si gusta solo a fette o morsicandolo; lo si può anche fruttare per creare una sostanza liquida ma altrettanto succosa e morbida. Basta tagliarla a pezzi e metterla in un mixer, inserire il latte e… frullare! Basta poco per ottenere una gustosa bevanda da bere che sia sana e contenga frutta fresca; per l’occasione è stata utilizzata una mela ma un frullato lo si può ottenere con tutti i tipi di frutta a seconda della stagione in cui ci si trova e… condividete questo momento con i vostri bambini: vedrete la gioia nei loro occhi nel vedere come una mela possa cambiare aspetto, come scoprire di poterla mangiare con un’altra forma e come sia buono il suo gusto.
Alla fine del laboratorio ai bambini è stato rilasciato un opuscolo da poter portare a casa e leggere in famiglia e devo dire che contiene delle notizie molto interessanti che, se volete, potete trovare anche nel sito dedicato al progetto “Frutta nelle scuole” dove oltre a nozioni interessanti per noi genitori, potete anche trovare ricette carine e semplici da condividere con i bambini per avvicinarli in maniera simpatica e spensierata alla frutta.

http://www.ideamamma.it/2013/02/15/se-la-mangi-ti-frutta-e-stai-bene/#more-12611

FANTASIA DI FRUTTA

Pubblicato: 10/04/2013 in Recipes
Tag:,

Gustosa ricetta tutta di frutta che si può dare dai 10 mesi vista la presenza dell’uva .Niente perché l’uva è ricca di energia mentre mela, pera e pesca di vitamine.

Ingredienti: ½ pesca, ¼ di mela e di pera e 10 chicchi d’uva.
Preparazione: laviamo bene la frutta, sbucciamola e ai chicchi d’uva togliamo i semini e poi frulliamo il tutto fino ad ottenere una crema; una volta versata in un bicchiere o in una ciotola, non fate passare molto tempo prima di mangiarla così che la frutta possa mantenere le sue proprietà.
Consiglio: l’uva è un frutto ricco di vitamine e di zuccheri quindi ottimo per i bambini fate però attenzione quando lo comperate perché è un frutto che si guasta facilmente quindi: i chicchi devono essere ben attaccati al gambo, belli duri e sodi e tenetela in frigorifero, si conserverà meglio!

http://www.ideamamma.it/category/ricette/page/7/

GOLOSITA’ ALLA FRUTTA

Pubblicato: 10/04/2013 in Recipes
Tag:

Ogni bambino è diverso da un altro e così: il piccolo  adora i frullati e i passati mentre il grande, per niente ecco perché mi devo inventare delle cose “simpatiche” da proporgli in questi giorni che non può mangiare ancora del tutto cose solide ma invece gli farebbero bene i frullati di frutta ed i passati di verdura. Così, sfogliando una rivista ho trovato una simpatica idea alla frutta e, basta un po’ di fantasia ed è proprio vero che i bambini si lasciano trasportare e soprattutto, mangiano di tutto!

Ingredienti: 1 yogurt intero, 1 albicocca, 50 gr di banana e ½ cucchiaio di zucchero.
Preparazione: sbucciamo la banana e l’albicocca e tagliamole a pezzi e li mettiamo nel frullatore insieme allo yogurt e allo zucchero; misceliamo bene finché non otterremo un composto cremoso. A questo punto basta un po’ di fantasia e basterà mettere 2 fettine sottili di banana per creare gli occhi e con un cucchiaio con sopra un pochino di yogurt andiamo a creare la bocca e… chissà perché ADESSO sì che è buono!

http://www.ideamamma.it/category/ricette/page/7/